Colazione con la figlia del soldato

La moglie del soldato è stato uno dei film che ho piu’ amato. La canzone, ‘The crying game’, che faceva parte della colonna sonora l’ho suonata e suonata piu’ di una volta. Allora era un film che andai a vedere senza saperne nulla prima e mi colpi la forza delle immagini e della storia raccontata. Mi trovavo di fronte a una storia d’amore insolita ma vera e convincente.

In questo caso conoscevo qualcosa della storia di Gattina, protagonista di Breakfast on Pluto, e le aspettative erano maggiori nei confronti del lavoro di Neil Jordan. Stessa ambientazione, l’Irlanda e gli attentati terroristici dell’IRA, e protagonista di nuovo un ragazzo travestito.

Le similitudini finiscono qua perchè Patrick/Gattina è un personaggio brillante che fin da piccolo non ha timore a manifestare la sua natura con un candore che ci accompagna in tutto il film, anche nei momenti piu’ drammatici. Patrick ama e vuole amare e questa sua ricerca, questo suo desiderio lo porta ad incontrare personaggi diversi, che per nulla si sentono tali, e a volte pittoreschi. 37 capitoli della sua vita scanditi a mo di diario in 135 minuti che scorrono in modo leggero come una favola.Cillian Murphy

L’attore Cillian Murphy dal fascino attraente sia in veste maschile che femminile, appare serio nella foto scelta per la locandina del film ma interpreta perfettamente con la necessaria leggerezza il ruolo del protagonista. Purtroppo viene doppiato in italiano con una voce a mio avviso irritante, che ancora una volta farebbe preferire di vedere il film in lingua originale con i sottotitoli. Non ci si spiega inoltre perchè in Italia il film esca a due anni di distanza dalla sua produzione e nel periodo finale della stagione cinematografica, in cui il pubblico comincia ad essere distratto dalle prime serate calde. Forse che i film con protagonisti personaggi omosessuali, scomodi per la loro naturalezza e non tormentati da angosce, spaventano sempre un po’ i distributori nel nostro paese?

arrow1_se.gif Sito tv.gif Trailer tv.gif Gallery

5 pensieri su “Colazione con la figlia del soldato

  1. Noodles

    assolutamente d’accordo sul problema doppiaggio. Io m aspettavo pure peggio, devo dire, ma comunque ciò non toglie che questo film senza la recitazione integrale di Murphy è privato di una buona fetta del suo valore.

    Rispondi
  2. UnoDiPassaggio

    Beh, allora ci andiamo ancora al cinema ogni tanto… ^^
    (non parlo de “La moglie del soldato” perchè si aprirebbe una voragine di sensazioni personali indelebili)

    Rispondi
  3. garagolo Autore articolo

    @Noodles Grazie per l’onore della tua visita. Seguo spesso le tue recensioni dai Cineblogger
    @Udp quando sei di passaggio qui è sempre un piacere..si vado al cinema e negli ultimi due mesi ho visto quasi tutti i film segnalati da te. Mi manca the host ma sono lì lì per concluderlo

    Rispondi
  4. Souffle

    Io credo che i film che raccontino la sensibilità gay al di fuori dello stereotipo rassicurante costruito dalla eterosocietà, siano effettivamente sovversivi e possano spaventare.
    Però se si usano i codici giusti per raggiungere il pubblico di massa si può fare passare delle cose che mai sarebbero passate (vedi Brokeback mountain, dove un certo messaggio è arrivato così bene da destabilizzare molti uomini che hanno minimizzato ironizzando sul titolo del film, segno che certi punti di riferimento erano stati abbattuti).
    Ma film come questo o come XXY, laddove si fa un lavoro interessante sul gender, vengono ancora visti con paura (oddio, provo attrazione per questa persona! Ma è un maschio! e non “dovrebbe” piacermi!).
    Un saluto.

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...